Questo sito utilizza cookie per garantire la migliore esperienza. Il sito inoltre fa uso di cookie di terze parti (es. Google Analytics, Google Ads, ShinyStats). Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo.
Clicca qui per far sparire questo avviso.


Le ricette di Pierre

CARCIOFI ALLA BRACE

Decapitare i crciofi dalle spine che sono abbastanza indigeste.

NON togliere le foglie esterne dure. Togliere i gambi che sono squisiti lessati a vapore e gratinati con Besciamella e formaggio (come noti due ricette al prezzo di una!).

Tenendo i carciofi per il fondo (la classica 'presa per i fondellì:-)) battere un po' l'estremità (dove c'erano le spine) sul bordo del tavolo in modo che si schiudano leggermente come fiorellini che sbocciano (che poeta che sono!:)).

Disporli sulla griglia, fondo in basso e condirli con 1 buona presa di sale, un po' d'aglio tritato, se piace, Peperoncino, o in alternativa una presa di origano e mentuccia (il mio preferito), oppure Capperi e timo, o gli aromi che più vi fanno gola......

Questo per ogni carciofo. Il tocco finale, uno o due cucchiai d'olio di frantoio ciascuno fanno penetrare l'ignobile intruglio fin dentro il povero carciofo, che così preparato verrà immediatamente posto sulle braci e fatto cuocere finché le foglie esterne dure sono carbonizzate. Non andavano tolte perché fanno da recipiente di cottura.

A questo punto si mangiano sfogliando come al solito, e alla fine rimane il tenerissimo fondo che, ahimè , sparisce in un solo boccone e come tutti i supremi piaceri è di tal fatta e sì breve durata che vi stimola subito a mangiarne un altro...

poi un altro.... poi un altro....

Ottimi accompagnati con la cipolla rossa grossa, quella dolce, cotta sotto la cenere calda!)

Provenienza: Raffaello Valesio (FidoNet) 30/01/1993

Torna al menu