X Close
This site does not directly profile users.
We use technical cookies (PHPSESSION and COOKIECHOICE) that cannot be disabled but that do not store any personal information.
We display a visitor map by http://www.clustrmaps.com/, that could user cookies outside our control, and some advertisement banners managed by external agencies
. From this screenyou can enable and disable the usage of these services (you can always get this screen from the link at the bottom of every page):
  Clustermaps: on    Advertisment: on    Statistics: on
Since we use google search to index our site, some more cookies may be set by google. Please consult their policy

[OK. I'm happy with all cookies]   [Use only selected cookies]   [No, no cookies please]

Le ricette di Pierre

ZUPPA RUSTICA

Vi posto anche questa minestra, mi sembra ottima, è originaria del sud della Francia, ma è praticamente eguale alle nostre. base fondamentale è il cavolo che si puo trovare in tutto l'anno , a cui si aggiungono le verdure di stagione, anche legumi secchi se piacciono per renderla più ricca.

Ingredienti:
Dosi per 8:
500 g patate affettate grosse
250 g Fave sbucciate
250 g piselli grossi, sgusciati
250 g fagioli bianchi, freschi
2 l acqua
sale
Pepe di caienna
3 spicchi aglio
1 mazzetto odori (timo, maggiorana e prezzemolo)
1 cavolo verza grosso
500 g carne conservata nel grasso (oca anatra o maiale)
pane raffermo casareccio tagliato a fettine sottilissime

la ricetta originale prevede della carne conservata sotto grasso, ma non disponendone dei salamini sott'olio, o del normale salame o prosciutto vanno egualmente bene, purché siano a tocchetti e non a fette.

Mettiamo l'acqua in pentola e la pentola sul fuoco. Se usiamo una pentola ti terracotta il risultato sarà molto migliore.

Aggiungiamo le patate affettate grosse, piselli Fave fagioli sale e Pepe. dopo qualche minuto aggiungiamo gli odori e l'aglio.

Lasciamo cuocere col coperchio un'oretta senza che smetta di bollire mai!. Nel frattempo togliamo il torso alcoavolo, apriamo le foglie e priviamole della costa, arrotoliamole e tagliamole trasversalmente, a chiffonade.

Aggiungiamo le foglie mentre il tutto bolle ancora, e rimettere il coperchio. Quando il cavolo sia a mezza cottura, e comunque una mezz'oretta prima di terminare la cottura aggiungiamo i pezzi di carne, grasso compreso.

Tagliamo il pane a fettine sottili mettiamolo in una zuppiera. versare le verdure, sul pane con la carne e servire. il brodo viene servito a parte secondo i gusti.

La tradizione vorrebbe che il tutto andasse cotto sul fuoco di legna, mentre sobolle si forma un leggero velo di grasso, a cui si bovrebbe dar fuovo creando così una rudimentale gratinatura che dovrebbe essere rinforzata mettendo un coperchio di metallo coperto di brace! Chi si puo permettere una cosa cosi?

Provenienza: Bernardo Paladini (FidoNet) 13/08/1994

Torna al menu