X Close
This site does not directly profile users.
We use technical cookies (PHPSESSION and COOKIECHOICE) that cannot be disabled but that do not store any personal information.
We display a visitor map by http://www.clustrmaps.com/, that could user cookies outside our control, and some advertisement banners managed by external agencies
. From this screenyou can enable and disable the usage of these services (you can always get this screen from the link at the bottom of every page):
  Clustermaps: on    Advertisment: on    Statistics: on
Since we use google search to index our site, some more cookies may be set by google. Please consult their policy

[OK. I'm happy with all cookies]   [Use only selected cookies]   [No, no cookies please]

Le ricette di Pierre

CASTAGNACCIO O MIGLIACCIO

Ingredienti:

300

g farina dolce di castagne
1/2 l acqua
70 g uvetta
50 gr di pinoli
50 g noci sgusciate
olio extravergine di oliva

Accendere subito il forno a 200 gradi.

Mettere la farina dopo averla setacciata in un recipiente capiente aggiungere l'acqua gradualmente e mescolare utilizzando una forchetta. Fare attenzione che non rimangano grumi di farina.

Quando la farina sarà ben amalgamata aggiungere l'uvetta precedentemente messa in ``ammollo", una manciatina di pinoli, una di noci, e due cucchiai di olio. Girare il composto ancora per un po' quindi rovesciarlo in uno stampo (tenere presente che il castagnaccio non cresce, quindi se vi piace più ; la pentola deve essere più piccola e viceversa) ben unto con l'olio altrimenti si attacca. Decorare la superficie con i rimanenti pinoli e noci, ed ``arabescare" con un filo di olio; quindi infornare per circa 30 min. dipende da quanto lo avete fatto alto. Un castagnaccio ben cotto deve avere la superficie ben screpolata e secca.

Far freddare e .. gustare!

Per quel che mi riguarda preferisco un castagnaccio basso (meno di 1 cm) e nella maniera sopra descritta. Comunque c'è chi lo preferisce fatto con il latte invece dell'acqua (per me viene però a mancare il gusto vero delle castagne), chi aggiunge della Cannella, chi del Rosmarino per decorare, etc etc le variazioni sono tantissime. Ma la cosa veramente importante è assicurararsi che la farina sia profumata e saporita. Diffidate di quella del supermercato, non vi darà mai un vero castagnaccio. Ad un alimentari ho preso della farina dolce così profumata che si sentiva anche se era dentro a due sacchetti di nylon!

P.S.: c'è chi invece di castagnaccio lo chiama Migliaccio .... mi sono informata la differenza sta nel tipo di farina: in uno si usa quella di castagne e nell'altro quella di marroni (più grandi e saporiti delle castagne). A me però non è mai riuscito di trovarle in vendita separatamente, ho il sospetto che le mescolino.

Provenienza: Elisabetta Toccafondi (FidoNet) 30/11/1993

Torna al menu