X Close
This site does not directly profile users.
We use technical cookies (PHPSESSION and COOKIECHOICE) that cannot be disabled but that do not store any personal information.
We display a visitor map by http://www.clustrmaps.com/, that could user cookies outside our control, and some advertisement banners managed by external agencies
. From this screenyou can enable and disable the usage of these services (you can always get this screen from the link at the bottom of every page):
  Clustermaps: on    Advertisment: on    Statistics: on
Since we use google search to index our site, some more cookies may be set by google. Please consult their policy

[OK. I'm happy with all cookies]   [Use only selected cookies]   [No, no cookies please]

Le ricette di Pierre

MARITOZZI ``SIGNA"

Ingredienti:

850

g farina
150 g Miele
25 g lievito di Birra
270 g latte
2 uova
1/2 bicchiere olio d'oliva più quello per maneggiarli
due cucchiaini zucchero
1 manciata uva sultanina

In una Terrina mettere la farina, il lievito sciolto nel latte insieme al Miele, impastare un po'; separatamente sbattere le due uova con lo zucchero poi miscelare con il composto prima ottenuto, impastare il tutto poi aggiungere l'olio, continuare a lavorare il composto fino ad ottenere una massa abbastanza morbida (se è il caso aggiungere un po' di farina o di latte), mettere la massa sulla spianatoia, aggiungere l'uva sultanina (precedentemente messa in ammollo una mezz'ora in acqua tiepida e poi asciugata), impastare ulteriolmente, fare dei grossi filoncini, tagliare delle fette dello spessore di 2/3 cm. appiattirli con la mano unta di olio, poggiarli sulla teglia con della carta forno, coprirli e farli lievitare per almeno 3 ore, accendere il forno aspettare che raggiunga i 160--180 gradi poi infornare la teglia per 15--20 minuti. Volendo si possono spennellare i maritozzi con latte molto zuccherato, per dargli una colorazione sul lucido. Una volta raffreddati conservarli con molta attenzione (nella carta, in una busta di plastica), per evitare che si secchino.

Le dosi sono state pesate con una bilancia elettronica, quindi precise, ma così comè, non sono molti dolci (questione di gusti), se vi piace la roba più dolce, aggiungete un altro cucchiaino di zucchero, anche due volendo, dipende tutto dalla vostra golosità.

L'impasto più risulterà morbido e per più giorni resteranno morbidi, quindi cercate di farlo molto morbido, diciamo pure appiccicoso, tanto ci pensa l'olio a salvarci :)

Provenienza: Moreno Mazzetta (FidoNet) 03/05/1994

Torna al menu