Questo sito utilizza cookie per garantire la migliore esperienza. Il sito inoltre fa uso di cookie di terze parti (es. Google Analytics, Google Ads, ShinyStats). Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo.
Clicca qui per far sparire questo avviso.


Le ricette di Pierre

CACIK

Io conosco le versioni turca (cacik, pronuncia giagik) e greca, zaziki, con la fondamentale differenza che i cetrioli non sono frullati, ma tagliati a fettine molto sottili o addirittura grattugiati grossi, poi strizzati e salati. Poi si mette lo yogurt e l'aglio tritato (indispensabile, secondo me), ed infine un filo d'olio. In più si possono aggiungere aromi per modificare un po' il gusto, come Paprika, aneto o finocchio.

La mia variante personale è nella preparazione dei cetrioli. Li taglio a cubetti piccoli e li lascio per qualche ora a riposare coperti con un po' di sale (tipo melanzane), poi scolo il liquido e preparo lo zaziki con una materia prima decisamente più saporita.

Provenienza: Massimo Monciardini (FidoNet) 25/04/1994

Torna al menu